Che cos’è la virtualizzazione?

La virtualizzazione è una tecnologia software ampiamente sperimentata che sta rapidamente trasformando il panorama IT e cambiando dalle fondamenta il modo di utilizzare le risorse informatiche.
La virtualizzazione travalica i confini dei computer, originariamente progettati per eseguire un singolo sistema operativo e una singola applicazione, e consente di eseguire più sistemi operativi e applicazioni contemporaneamente nello stesso computer, aumentando in tal modo l’utilizzo e la flessibilità dell’hardware.
La tecnologia della virtualizzazione può arrecare vantaggi a chiunque adoperi un computer: da professionisti IT e amanti del Mac ad attività commerciali ed enti della Pubblica Amministrazione.
Come funziona?

La virtualizzazione consente di trasformare l’hardware in software. Grazie a un software come ad esempio propone VMware, è possibile trasformare, ovvero “virtualizzare”, le risorse hardware di un computer x86, compresi la CPU, la RAM, il disco rigido e il controller di rete, e creare una macchina virtuale completamente operativa in grado di eseguire i propri sistemi operativi e applicazioni al pari di un computer “reale”.
Più macchine virtuali condividono le risorse hardware senza interferire tra loro. Per questo si possono eseguire contemporaneamente diversi sistemi operativi e applicazioni in un singolo computer.

Perché adottare la virtualizzazione?

La virtualizzazione dell’infrastruttura IT consente di ridurre i costi IT e nel contempo aumentare l’efficienza, l’utilizzo e la flessibilità delle risorse esistenti. La virtualizzazione VMware è stata adottata con successo da aziende di ogni dimensione in tutto il mondo. Scopri i vantaggi che la tua azienda può ottenere con la virtualizzazione completa dell’infrastruttura IT .

5 motivi per adottare il software di virtualizzazione

1. Ottenere il massimo dalle risorse esistenti: raggruppamento in pool delle risorse d’infrastruttura comuni ed eliminazione del vecchio modello di corrispondenza univoca tra applicazioni e server (“una sola applicazione su ciascun server”) grazie al consolidamento server.

2. Ridurre i costi del data center mediante la riduzione dell’infrastruttura fisica e ottimizzare il rapporto server gestiti per amministratore: meno server e relative risorse hardware significa ridurre le esigenze di spazio e le esigenze di alimentazione e raffreddamento. Con l’ausilio di strumenti di gestione ottimizzati è possibile migliorare il rapporto server gestiti per amministratore e, di conseguenza, ridurre le esigenze di personale.

3. Incrementare la disponibilità di hardware e applicazioni per migliorare la business continuity: esecuzione di backup sicuri e migrazione di interi ambienti virtuali senza interruzioni operative. Eliminazione dei downtime pianificati e ripristino immediato in caso di imprevisti.

4. Acquisire la flessibilità operativa: superiore capacità di risposta ai cambiamenti del mercato con la gestione dinamica delle risorse, la velocizzazione del provisioning dei server e la distribuzione ottimizzata dei desktop e delle applicazioni.

5. Ottimizzare la gestione e la sicurezza dei desktop: implementazione, gestione e monitoraggio di ambienti desktop sicuri cui è possibile accedere in locale o in remoto, con o senza connessione di rete, da quasi tutti i desktop, laptop o tablet PC standard.